Una panchina rossa per Villa Groppallo

 

Le donne sono piccoli fari fulvi,

resistono alle notti della mente e del cuore.

Fausta Fortunel

 

Piccolo faro fulvo,

spunti dal mare quasi un piccolo sole,

sei solo nella vastità,

non hai ripari;

nessuna collina ti fa compagnia,

ti cinge le spalle,

ti ricopre e ti riscalda

nel tuo freddo deserto salino.

Piccolo faro,

emergi dai flutti,

nessuno scoglio,

nessuna roccia,

nessun fondale,

ti trattiene,

ti tiene fermo,

saldo a sé,

ti rassicura,

nelle tue paure di cadere.

Piccolo faro,

tu rimani,

tu stai

in mezzo alle mareggiate,

imbavagliato dalle schiume,

soffocato dai flutti,

schiaffeggiato dalle risacche,

umiliato dai venti,

ferito a morte

dai marosi.

Piccolo faro,

piangi piano,

i tuoi singhiozzi,

che nessuno ascolta,

nel giorno;

su di te

lampi intermittenti

che nessuno vede,

quando fuori è chiaro;

schizzi vermigli

indelebili,

se la notte cala,

su di te,

con tutto il suo buio.

 

Piccolo faro fulvo,

noi,

non ti dimentichiamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *